Alma Energy Trading mette a disposizione dei suoi clienti diverse modalità per il pagamento delle bollette:
  • Bonifico bancario
     
  • Domiciliazione bancaria (RID): è la modalità più comoda che consente di risparmiare tempo e avere la certezza di pagare sempre nel giorno esatto della scadenza.
    Richiedere la domiciliazione è molto semplice: puoi recarti presso la tua banca o sportello con una bolletta, o puoi compilare il modulo RID allegato alla bolletta.
    Dal momento in cui la tua richiesta verrà resa effettiva, continuerai a ricevere la bolletta e ti verrà automaticamente addebitato sul tuo conto l'importo da pagare.
     
  • Bollettino postale (disponibile a breve): il bollettino postale precompilato è allegato alle bollette che ricevi a casa. Il bollettino può essere pagato presso l'ufficio postale o presso sportelli bancari presentando il bollettino di conto corrente allegato alla bolletta. Il pagamento è gratuito presso gli istituti bancari elencati nel foglio allegato al bollettino stesso.
     
  • Carta di credito (disponibile a breve)

 

Rateizzazione di pagamenti

Come previsto dalla delibera Autorità 229/01 e s. m. ed i., Alma Energy Trading propone ai Clienti Finali, le seguanti rateizzazioni:

  • Ai clienti con consumo fino a 5.000 mc/anno, qualora la bolletta di conguaglio sia superiore al doppio dell’addebito più elevato fatturato nelle bollette con lettura presunta.
  • Ai clienti ai quali, a seguito di malfunzionamento del contatore, venga richiesto il pagamento dei corrispettivi per consumi non registrati dal contatore.
  • Ai clienti con contatore accessibile a cui, a causa di una o più mancate letture, sia richiesto il pagamento di un conguaglio.

L’importo minimo da rateizzare è pari a € 50,00.
Il cliente che intende avvalersi della rateizzazione dovrà darne comunicazione ad Alma Energy Trading entro la data di scadenza della bolletta.
Gli importi relativi ai pagamenti rateali sono maggiorati degli interessi pari al tasso ufficiale di riferimento.

Sospensione per morosità

Delibera ARG/gas 99/11(TMGI) Nel caso di mancato o parziale pagamento alla scadenza della fattura, Alma può chiedere all'impresa distributrice la sospensione della fornitura (Delibera 21 febbraio 2013 67/2013/R/com e la Delibera 24 aprile 2013 173/2013/R/com).
Alma non potrà però procedere alla richiesta di sospensione della fornitura senza prima aver inviato al Cliente finale, per raccomandata, una comunicazione di messa in mora con l'evidenza della data precisa del giorno d'emissione della comunicazione di costituzione in mora.

Alma addebiterà al Cliente le spese della diffida e degli eventuali solleciti di pagamento inviati nei limiti di quanto previsto dalla normativa applicabile La comunicazione di messa in mora, nel caso in cui Alma non fosse in grado di documentare la data di effettivo invio della raccomandata, verrà consegnata al vettore postale entro e non oltre 3 giorni lavorativi dall'emissione; inoltre, verrà garantito, dall'emissione, un tempo minimo di 20 giorni solari per il pagamento da parte del Cliente finale. Tale termine potrà essere esteso fino ad un massimo di 5 giorni lavorativi purché sia contestualmente aumentato di pari periodo il termine ultimo di pagamento.

La comunicazione della costituzione in mora indicherà con chiarezza il termine ultimo di pagamento e il termine, decorso il quale Alma potrà richiedere all'impresa di distribuzione di sospendere la fornitura nel caso in cui il pagamento non venisse effettuato ed il Contratto si intenderà automaticamente risolto. Saranno a carico del Cliente le spese per le operazioni di sospensione, di interruzione e di riattivazione della somministrazione di gas naturale, nei limiti dei costi sostenuti da Alma.

La data di sospensione fornitura non potrà essere inferiore a 3 giorni lavorativi a decorre dall'ultimo giorno utile per il pagamento. Detta scadenza è indicata nella comunicazione di costituzione in mora  con riferimento a 20 giorni solari dalla data di emissione della comunicazione stessa, nel caso in cui Alma prenda a riferimento la data di effettivo invio della raccomandata ovvero, pari a 15 giorni solari, decorrenti dalla spedizione della raccomandata nel caso di utilizzo della posta elettronica certificata per le comunicazioni tra Alma e Cliente finale.

Il termine ultimo di pagamento si considera scaduto una volta decorsi 10 giorni dalla notifica ad Alma della ricevuta di avvenuta consegna della comunicazione di costituzione in mora inviata tramite servizio di posta elettronica certificata. Nel caso in cui la morosità si protragga per conguagli o per importi anomali, prima di effettuare la richiesta di sospensione della fornitura, Alma dovrà rispondere ai reclami scritti del Cliente;  se le nuove regole fissate non venissero rispettate da Alma, i clienti potranno ricevere automaticamente congrui indennizzi accreditati direttamente in bolletta come indicato dalle Delibere AEEG . 

Nello specifico, nel caso in cui Alma proceda alla sospensione del  servizio per morosità, senza aver inviato al Cliente la comunicazione  della costituzione di morosità, dovrà corrispondergli un indennizzo pari a 30 euro. Se la raccomandata fosse stata correttamente inviata, ma Alma abbia proceduto alla sospensione della fornitura, senza rispettare le tempistiche previste, l’indennizzo da corrispondere al Cliente sarà di 20 euro.

In entrambe le situazioni, comunque, al Cliente non sarà mai richiesto un ulteriore corrispettivo. Alma può richiedere la sospensione/interruzione della somministrazione di gas naturale al Distributore Gas, anche senza preavviso, a motivo di accertata appropriazione fraudolenta del bene, di manomissione e rottura dei sigilli del Contatore Gas ovvero di utilizzo degli impianti in modo non conforme al Contratto.